Polisportiva Sarnese

Switch to desktop
Vota questo articolo
(0 Voti)

Pompilio Cusano è il nuovo allenatore della Sarnese, ecco il nuovo staff

Pompilio Cusano è il nuovo allenatore della Polisportiva Sarnese. Oggi allo stadio Felice Squitieri la firma del neo allenatore granata Mister Pompilio Cusano,

scelto per la sua grande esperienza con i giovani. Nel settore giovanile, infatti, ha partecipato e vinto a tutti i campionati giovanili dopo l'esperienza con la Berretti del Giugliano, per 3 anni, è passato al settore giovanile del Napoli per 10 anni, facendo anche l'allenatore della Primavera, allenando giocatori che oggi giocano nel calcio professionistico. Inoltre, ha avuto la sua esperienza nella Puteolana, Sessana e nel Nola.

Mister Pompilio Cusano sarà affiancato dal preparatore atletico Maurizio Zavino, che nell'ultima parte di stagione 2017/18 è già stato a Sarno; allenatore dei portieri Gaetano Sirica; collaboratore di campo Fabio D'Antuono; match analyst Vincenzo Landi; direttore dell'area tecnica Alessandro Rosolino.

Soddisfatto Mister Pompilio Cusano commenta così il suo arrivo a Sarno: "Sono onorato di far parte di una società storica come la Sarnese che da anni è modello di studio per la gestione societaria e sportiva. Sarno è una tappa fondamentale per la mia carriera calcistica. Ci tengo a ringraziare il presidente uscente Francesco Origo, il direttore Alessandro Rosolino, lo sponsor tecnico Sebastiano De Vivo e il presidente Emilio Diodati perché mi ha dato la possibilità di far parte e di allenare una società così importante.

 

Sono stato scelto per cominciare questa nuova avventura. Condivido il progetto tecnico della società, ovvero la piena valorizzazione dei giovani che appartengono alla società granata. Condivido in pieno questa politica e credo di aver raccolto nelle mie esperienze precedenti, l'esperienza giusta per poter affrontare questa avventura e dare a questi ragazzi le giuste motivazioni e trasmettere il mio bagaglio personale. Nella mia carriera da allenatore ho avuto il piacere e l'onore di allenare per 10 anni le giovanili del Napoli e, quindi, allenare calciatori che oggi sono dei professionisti. La mia speranza è quella di vedere un giorno uno dei giovani talenti della Sarnese poter vivere categorie diverse. Sono convinto che non è importante il successo ma dare valore a quello che si fa, ovvero la valorizzazione del talento di questi giovani. Quello della Sarnese è un modello da seguire per le altre società”.

Ultima modifica il