Polisportiva Sarnese

Switch to desktop
Home

Il Cobra stende la Poseidon: Sarnese campione d'inverno

Pubblicato in Calcio

SARNO. Uno straordinario Gaetano Romano, al suo terzo gol consecutivo, permette alla Polisportiva Sarnese di battere a domicilio la Poseidon, con la rete del Cobra arrivata quasi al termine del primo tempo. Vittoria che permette alla formazione di Vitter di aggiudicarsi il titolo di campione d'inverno al giro di boa del campionato di Eccellenza. 

Il biglietto da visita del "Vecchio" di Capaccio Scalo è il terreno di gioco: quasi un Roland Garros del calcio. Un campo non facile da calcare per i calciatori granata, molto scivoloso, i quali nonostante tutto hanno saputo gestire il vantaggio contenendo la verve, che veniva fuori a sprazzi, dei padroni di casa. Da sottolineare l'ottima prova degli under Napolitano, artefice di diversi interventi decisivi, di De Cesare, autore di una bella prestazione difensiva e del metronomo Di Capua, sempre preciso nel servire i suoi compagni di squadra.

Venendo al campo, la Polisportiva Sarnese si presenta con la stessa formazione che ha battuto il Sant'Antonio Abate, con Romano in campo nonostante la forte influenza che lo ha colpito nella giornata di ieri. La Poseidon invece deve fare a meno degli squalificati Sileno e Cavallo, con Mangieri che opta per un 4-3-3 che dà tutta la consapevolezza di voler smuovere la classifica da parte dei padroni di casa.

A partire col piede pigiato sull'acceleratore è la Capolista, che già all'8' va vicina alla marcatura con Savarese, il quale sgroppa sulla fascia destra, s'accentra e scarica il tiro, Gigandino devia la sfera. Al 19' gran tiro dal limite di Ottobre, il portiere respinge il pallone. Al 20' Gorrasi serve Tuveri, il quale prova il piattone dal limite, Di Capua devia in angolo la palla velenosa. Al 26' Pallonetto, servito da corner, prova il tiro dall'out sinistro, palla di poco a lato. Al 39' Romano controlla palla in area su cross dalla sinistra di Pallonetto, elude un difensore, controlla, tira, e batte il portiere avversario facendo esplodere i tifosi accorsi da Sarno (In fondo alla pagina il video del gol a cura di Luca De Filippo). Al 41' occasione Poseidon con una punizione calciata da Santucci: grande risposta di Napolitano che si distende e devia in corner.

La ripresa si apre senza cambi nelle due formazioni. Al 4' Romano prova a fare il bis con un gran colpo di testa in mezzo all'area, Gigandino si distende e respinge la sfera. All'8' tiro di Ianniello dalla destra, il portiere blocca. Al minuto 15' tiro pericoloso di Ottobre, l'estremo di casa para nuovamente. Al 27' bella la coordinazione di Santucci, non altrettanto il tiro, che vola alto sopra la traversa. Al 32' ancora Santucci ha tra i piedi una doppia chance: prima Napolitano devia ottimamente la sfera, poi Fontanarosa salva da pochi metri mettendo in corner. Dopo un finale palpitante, in cui i granata difendono al meglio il risultato, l'arbitro Calì di Caltanissetta fischia la fine delle ostilità. I granata di Vitter si riconfermano così al primo posto, seguiti dall'Angri, che espugna il difficile campo di Cicciano, ed in attesa dei risultati delle altre inseguitrici, ovvero le due Scafatesi e la Libertas Stabia.

TABELLINO

POSEIDON (4-3-3): Gigandino, De Rosa, Lutri (6'st Addivinola), Tuveri (16'st Marino), Bellizio, Maresca, Gorrasi, Melillo, Santucci, Esposito A., Di Lucia. A disposizione: Serra, Nicotera, D'Angelo, Grimaldi. Allenatore: Mangieri

POL. SARNESE (4-2-3-1): Napolitano, Pallonetto, Falanga, Esposito G., De Cesare, Fontanarosa, Savarese, Ottobre (28'st Maggio), Ianniello, Di Capua, Romano (38'st Nasto). A disposizione: Sirica, Veritiero, Nasti, Adiletta, Ferrara. Allenatore: Vitter

ARBITRO: Calì di Caltanissetta  ASSISTENTI: Granato di Nola - Ferreri di Nola

RETE: 39'pt Romano (PS)

NOTE: Spettatori 150 circa. Ammoniti Di Lucia, Gorrasi, De Rosa, Santucci (P). Recuperi 0' (1°T) - 4' (2°T)

I convocati per Poseidon - Sarnese

Pubblicato in Calcio

Mister Vitter, nella seduta di rifinitura di oggi pomeriggio, ha diramato la lista dei convocati che prenderanno parte alla trasferta di Capaccio.

PORTIERI: Cerbone, Napolitano, Sirica;

DIFENSORI: De Cesare, Esposito, Falanga, Ferrara, Nasti, Pallonetto, Testa, Veritiero;

CENTROCAMPISTI: Di Capua, Fontanarosa, Ianniello, Nasto, Ottobre, Savarese; 

ATTACCANTI: Adiletta, Maggio, Romano.

Un arbitro nisseno per Poseidon - Pol. Sarnese

Pubblicato in Calcio

SARNO. Il Comitato Regionale Arbitri della Campania ha designato, per la partita U.S. Poseidon 1958 - Polisportiva Sarnese, in programma sabato 21 dicembre allo stadio "Mario Vecchio" di Capaccio Scalo (Sa), il signor Andrea Salvatore Calì della sezione Aia di Caltanissetta. Il direttore di gara siciliano sarà coadiuvato dagli assistenti Alessio Granato della sezione Aia di Nola e Luigi Ferreri, anche quest'ultimo dalla sezione Aia di Nola. L'ultima gara diretta dall'arbitro nisseno è stata Libarna - Valenzana Mado (Eccellenza Piemonte - Valle d'Aosta) del 1° dicembre scorso. Granato è stato invece primo assistente nella sfida dell'8 dicembre scorso tra Libertas Stabia e Calpazio (Eccellenza girone B), mentre Ferreri è stato sempre primo assistente il 14 dicembre nella gara Giffonese - Costa d'Amalfi (Promozione girone D).

Il programma completo della 15^ e ultima giornata del girone di andata:

Sabato 14 dicembre - ore 14,30

GARA

ARBITRO

CICCIANO - ANGRI

Monda di Napoli

MASSA LUBRENSE - ECLANESE

Renzullo di Torre del Greco

POSEIDON – POL. SARNESE

Calì di Caltanissetta

PALMESE - CALPAZIO

Cagno di Napoli

 

Domenica 15 dicembre – ore 14,30

GARA

ARBITRO

LIBERTAS STABIA – VIRTUS SCAFATESE

Rosami di Carrara

PRO SCAFATESE - FAIANO

Mazza di Torre Annunziata

S.ANTONIO ABATE - MARIGLIANESE

Cimino di Sala Consilina

VIS ARIANO – F.C. S.AGNELLO

Gaudieri di Battipaglia

 

 

La Polisportiva Sarnese unita per la Ricerca sul Cancro

Pubblicato in Calcio

La Polisportiva Sarnese e l'AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) si ritroveranno alle 18.00 circa fianco a fianco per una serata benefica: presso il "Felice Squitieri", in un'apposita tendostruttura, si svolgerà tra tutti i tesserati della squadra di Calcio, Rugby, Juniores e i propri familiari, una tombolata il cui ricavato sarà devoluto interamente a favore della ricerca. Un'iniziativa alternativa alla classica cena pre-natalizia, voluta fortemente dalla società. Un modo per stare insieme, divertirsi, scambiarsi gli auguri e compiere una nobile azione.

Ma non finisce qui. AIRC e Polisportiva Sarnese Calcio si ritroveranno di nuovo il  29 dicembre, in occasione del quadrangolare in memoria di Gaetano Bottaro, in cui si affronteranno Polisportiva, Scafatese, Savoia ed Ercolanese. L'incasso per assistere ai match sarà devoluto, anche in questa occasione, alla ricerca. Su questa iniziativa ci saranno specifiche informazioni e notizie a partire dalla settimana prossima.

Ottobre, primo gol con dedica

Pubblicato in Calcio

SARNO. Pasquale Ottobre è arrivato da poco alla corte di mister Pasquale Vitter, ma ha già trovato il modo per farsi amare dai tifosi della Polisportiva Sarnese: in appena settantasette minuti giocati con la maglia dei granata, ha già lasciato il suo segno nella partita di sabato scorso contro il Sant’Antonio Abate: gran botta dalla trequarti campo di destro che termina direttamente nel sette della porta avversaria. “Sono abbastanza soddisfatto per questa mia prima rete in maglia granata – esordisce Ottobre – è stato il classico gol d’istinto. Quando ho ricevuto la palla da Ciro Ianniello non ci ho pensato su due volte e ho fatto partire il tiro”. Eppure la settimana di Pasquale Ottobre non è stata molto facile, causa l’infortunio muscolare che lo ha colpito nella partita d’esordio a Brusciano: “Mi sono allenato in condizioni non proprio ottimali – ammette il centrocampista –, ma devo ringraziare il mio amico fisioterapista Francesco Romeo, che ha fatto di tutto per rimettermi in forma e giocare la partita. E’ solo grazie a lui se ho potuto siglare questo gol, dunque va a lui la mia dedica”. 

Il programma degli allenamenti

Pubblicato in Calcio

SARNO. Sono ripresi questo pomeriggio gli allenamenti della formazione di Pasquale Vitter, dopo la vittoria interna sul Sant'Antonio Abate. Primo giorno di seduta suddivisa tra palestra e campo, con la consueta partitella finale. La settimana di lavoro condurrà all'ultima partita del girone di andata di sabato contro la Poseidon, da disputarsi al "Mario Vecchio" di Capaccio Scalo.

LUNEDI' 16: Allenamento ore 15.00 stadio Felice Squitieri - Sarno

MARTEDI' 17:  Allenamento ore 15.00 stadio Felice Squitieri - Sarno

MERCOLEDI' 18: Amichevole da definire ore 15.00 stadio Felice Squitieri - Sarno

GIOVEDI' 19: Riposo

VENERDI' 20:  Allenamento ore 15.00 stadio Felice Squitieri - Sarno

SABATO 21: 15a giornata POSEIDON - POL. SARNESE stadio Mario Vecchio - Capaccio Scalo (Sa)

DOMENICA 22: Riposo

Cus Cosenza - Sarnese è battaglia vera, 13 a 13 il finale.

Pubblicato in Rugby

Termina con un pareggio, risultato insolito per l'ambiente del rugby, l'ultimo impegno del 2013 della Polisportiva Sarnese. Come era già stato anticipato, si trattava di una partita molto delicata per il girone d'andata dei Cavalieri, la formazione cosentina è infatti quella che più si avvicina a quella sarnese per valori tecnici e fisici, e ci si aspettava un incontro aperto a tutto. I Cavalieri però, si sono ritrovati alla vigilia del match con delle assenze pesanti nel pacchetto di mischia, contro una squadra che ha nel reparto degli avanti uno dei suoi punti di forza. L'incontro si apre tuttavia in maniera positiva per i Cavalieri, dopo una breve fase di studio tra le due squadre i Cavalieri subito marcano punti col piede di Aprea dalla piazzola. Anche se con un minor peso la mischia sarnese sembra tenere, e i trequarti, nonostante l'inedita linea mediana D'Auria - Salvati, trovano fluidità di gioco. A metà primo tempo arriva la prima segnatura del match. Grande azione solitaria dell'estremo ospite Russo, che raccoglie bene un calcio di liberazione avversario e mette in difficoltà la retroguardia avversaria rispondendo con un calcio a scavalcare sul quale il triangolo allargato cosentino, mal schierato, non può nulla, Russo raccoglie e schiaccia in meta dopo uno scatto di 50 metri. Aprea trasforma, e il risultato è di 10 a 0. Ma è a questo punto che la partita prende una brutta piega. Non è consuetudine di chi scrive, ne tantomeno dell'ambiente del rugby in generale, fare polemiche sull'arbitraggio, ma ho trovato impossibile fare un'analisi obiettiva della partita, senza citare la quantomeno incoerente conduzione di gara da parte del "fischietto" di turno. Il match è stato infatti caratterizzato nella seconda parte dai continui fischi del direttore di gara, che fino a quel momento stava conducendo la partita ottimamente, e che hanno incattivito e stoppato numerose volte l'incontro. Tanti, troppi i falli fischiati contro i Cavalieri, che ci hanno messo del loro nel non rispettare sempre il regolamento, ma rimangono quantomeno dubbie parecchie decisioni dell'arbitro nel corso del match. Allo scadere del primo tempo Treglia paga i ripetuti falli di squadra fischiati dall'arbitro e si prende un giallo. Punizione Cosenza, 10 a 3 e Cavalieri con un uomo in meno per 10 minuti proprio allo scadere della prima frazione. E' nel secondo tempo però, che la partita s'infiamma davvero, la difesa Sarnese argina la pesante mischia dei padroni di casa con una strenua resistenza, ma non riesce a ripartire, anche a causa delle ripetute punizioni fischiate contro. Coach Lucia prova a dare la scossa, sostituisce l'esordiente Gallo con Tedesco e manda il resto i suoi a scaldarsi, ma l'arbitro estrae ancora il cartellino, stavolta da entrambe le parti, e al 20' del secondo tempo i Cavalieri contano due uomini ammoniti tra i loro, e anche i padroni di casa hanno un uomo in meno. Giordano entra in mediana mentre capitan D'Auria è ammonito, e Carusone sostituisce Palomba . I Cavalieri provano a reagire nonostante l'inferiorità numerica, ma sono respiniti due volte a un passo dalla meta, e Aprea non trova la via dei pali dalla piazzola per ben tre volte ma c'entra un piazzato per il 13 a 3. Il ritmo è intenso, ma le due squadre non mollano. il Cus Cosenza spinge, forte della superiorità numerica, e alla fine trova un varco nella difesa, segnando però una meta molto dubbia dopo una caotica maul nei ventidue metri sarnesi, e si porta sul 13 a 10. La Sarnese prova la reazione con Salvati che tenta una ripartenza con un calcio di spostamento ma è atterrato da un placcaggio alto pericoloso e assolutamente gratuito, l'arbitro grazie l'ala cosentina con il giallo, accese le proteste della panchina sarnese che chiedeva un meritato cartellino rosso. Le squadre recuperano i giocatori ammoniti e si ritorna a giocare in 15 contro 15, ma dopo un'ingenuità dell'appena entrato Carusone o Cavalieri perdono un altro elemento per un cartellino giallo, e finiranno la partita in 14. Il risultato si decide negli ultimissimi minuti, l'arbitro fischia l'ennesima,dubbia punizione per il Cosenza, a cui regala anche altri 10 metri di vantaggio dopo le proteste, e l'apertura di casa centra il pareggio dalla piazzola proprio all'ultimo minuto, chiudendo il match sul 13 a 13. Risultato che sta stretto ai Cavalieri,che conservano si il quarto posto in classifica,ma che ora hanno l'obbligo di vincere al ritorno contro il Cosenza tra le mura amiche del "Felice Squitieri". La sensazione alla fine del match che la partita sia stata un pò "buttata" dai Cavalieri c'è, ma bisogna fare i complimenti ai ragazzi che hanno conquistato due punti preziosi lottando con le unghie e con i denti, difendendo strenuamente il risultato nonostante tutte le avversità di quest'ultima partita dell'anno. Il campionato ora si ferma per le festività natalizie, e colgo l'occasione per augurare Buone Natale e Felice Anno nuovo a tutti coloro che ci seguono, e vi do appuntamento per il 12 Gennaio allo Squitieri di Sarno, per un altro infuocato match di rugby, Polisportiva Sarnese - Salerno Rugby. Di nuovo auguri cari lettori, e come sempre, Forza Cavalieri !

L'analisi di Martina Amitrano

Pubblicato in Calcio

Si ritorna allo stadio Squitieri, lasciato due settimane fa con pioggia, lampi, fulmini, e lo si ritrova con un sole a forza quattro, quattro come i gol realizzati dalla Polisportiva Sarnese contro il Sant’Antonio Abate. È un sole non facile da trovare di questi tempi, eppure questa sfera così luminosa e bruciante ha accompagnato i ragazzi per tutta la partita ed è riuscita a riscaldare i cuori dei tifosi granata che mai come prima hanno incitato la squadra per tutti i novanta minuti. Se così fosse, allora dovrebbe essere sempre primavera a Sarno! Ma andando oltre ed analizzando il match, sole o non sole, non era facile del resto affrontare un avversario che ha giocato a viso aperto e al tempo stesso difendeva con cinque difensori cercando di mettere in pratica la regola del fuorigioco che anche grazie ad uno degli assistenti dell’arbitro è riuscita molto spesso a realizzare. Ma la tenacia dimostrata dagli avversari nulla ha potuto contro la differenza tecnica della Polisportiva. La superiorità dei padroni di casa è stata netta. Lo si è capito subito con le svariate giocate di qualità indiscussa. Chiedete al portiere del Sant’Antonio da dove è arrivato quel pallone silurato da Ottobre quasi a sfondare la porta, o anche chiedete al difensore giallorosso che ha respinto sulla linea una palla in rovesciata che arrivava direttamente dai piedi velenosi del “cobra” Romano.  Di sicuro risponderanno di non aver mai visto giocate così. Però,non è tutto oro quello che luccica,ed una nota stonata, infatti, c’è  e di questa se ne è accorto anche mister Vitter :  tatticamente i suoi hanno condotto un gioco un po’.. “Discontinuo”, come la canzone che il gruppo Aldolà Chivalà ha cantato nell’intervallo. Inoltre  bisogna sfruttare le occasioni create ,essere più cinici sotto porta ,ma soprattutto evitare distrazioni che possono compromettere le sorti della gara, basta vedere il gol su punizione che ha riaperto i giochi per gli avversari.  Su questo si dovrà lavorare, e il tempo a disposizione non manca .Anche per gli elogi, però,non è mai troppo tardi non a caso il mister e la squadra accolgono volentieri i complimenti che giungono a fine partita dal famoso conduttore e poeta sarnese, “il professore” Gasbarra e gli applausi dei tifosi!

 

I granata calano il poker: 4 a 1 al Sant'Antonio Abate

Pubblicato in Calcio

SARNO. Polisportiva Sarnese nel segno del quattro. Quattro come le vittorie consecutive, quattro come i gol segnati nelle ultime due uscite dai granata. Una squadra, quella di Vitter, cinica e proficua come non mai che porta a casa una vittoria importante e allunga momentaneamente il passo in vetta alla classifica, in attesa dei risultati delle partite di domani. Dall'altra parte un Sant'Antonio Abate giovane e intraprendente quello di mister Gargiulo, che però non ha mai messo in reale difficoltà i padroni di casa. Con gli arrivi dicembrini l'intento della Sarnese è ormai diventato chiaro: provare a vincere il campionato. Come tutte le grandi squadre, anche i granata, talvolta non giocano la migliore partita dal punto vista tattico, ma portano a casa ciò che più conta, cioè i tre punti.

Tuttavia il primo tempo si è rilevato molto divertente, per le numerose azioni e gli svariati "numeri" in campo dei calciatori granata. Proprio al 17' Pasquale Ottobre tira fuori il coniglio dal cilindro: tiro dai trenta metri potente e preciso che va ad incastonarsi nel sette, dove Sorriso non può arrivare. Il preludio al gol c'era stato già due minuti prima, quando lo stesso Ottobre di testa aveva colpito la traversa. Al 21' altro legno colpito dai padroni di casa con Esposito, il cui colpo di testa s'infrange sulla trasversale; alla ribattuta è lesto il "cobra" Romano, che prova l'acrobazia da distanza ravvicinata senza fortuna, con un difensore giallorosso pronto a respingere la sfera a pochi passi dalla linea di porta. Quando meno te lo aspetti ecco che il Sant'Antonio Abate trova il pareggio: al 34' punizione del classe '92 Pelagione, Napolitano non riesce a respingere la sfera che termina la sua corsa in porta. La gioia però dura poco. Sugli sviluppi di un corner battuto da Savarese, Esposito trova il gol di testa e riporta la Polisportiva Sarnese in vantaggio.

Nella ripresa la Sarnese non brilla molto dal punto di vista tattico, limitandosi a gestire il match per larghi tratti. La prima occasione al 9', seppur innocua, è degli ospiti: Pucci va alla battuta di testa di tuffo, palla che termina fuori. Al 20' chance ghiotta per Ianniello, il cui diagonale di destro diviene facile preda del portiere. Al 26' altra occasione per i granata, stavolta protagonista Pallonetto. Il jolly di Torre Annunziata se ne va per le vie centrali e scarica il tiro a giro, palla che termina a lato. Al 33' Romano entra in area, semina il panico e il portiere lo abbatte. Giallo per l'estremo difensore e rigore per i granata, trasformato dallo stesso cobra per il 3 a 1. Finale concitato dal punto di vista disciplinare per gli ospiti, anche se la partita in sé per sé non è stata assai cattiva: nel giro di pochi minuti espulso Nastro per un fallo a metà campo ed in pieno recupero Veneziano, per lui secondo giallo; quest'ultimo ferma irregolarmente Savarese in area di rigore. Sul dischetto ci va Maggio, che si fa indovinare l'angolo da Sorriso; nulla può il portiere giallorosso però sulla respinta dell'attaccante granata, che stavolta non sbaglia e chiude definitivamente i conti.

Si conclude così una sfida che vede premiare ancora un volta le scelte di mercato invernale da parte della società, con Ottobre e Romano che ripetono le ottime prestazioni di Marigliano e danno una mano importante alla Sarnese, che ora è attesa dall'ultima partita del girone di andata sul campo in terra di Paestum, contro la formazione del Poseidon, per provare a portare a casa il titolo di campione d'inverno. 

 

POL. SARNESE: Napolitano, Pallonetto, Falanga, Esposito G., De Cesare, Fontanarosa (15'st Maggio), Savarese, Ottobre (31'st Nasto), Ianniello, Di Capua, Romano (37'st Ferrara). A disposizione: Castagna, Nasti, Testa, Adiletta. Allenatore: Vitter

S.ANTONIO ABATE: Sorriso, Esposito F., Donnarumma, Comegna, Veneziano (22'st Alfano), Russo, Mosca, Somma, Nastro, Pelagione (41'st Cannavacciuolo), Pucci (44'st D'Amora). A disposizione: Balestrieri, Staiano, Navas, Abagnale. Allenatore: Gargiulo

ARBITRO: Foresta di Nola

ASSISTENTI: Napoli di Salerno - Mazzuoccolo di Nola

RETI: 17'pt Ottobre (PS), 34'pt Pelagione (SAA), 37'pt Esposito G. (PS), 34'st Romano su rig. (PS), 47'st Maggio (PS)

NOTE: Spettatori 200 circa. Ammoniti Veneziano, Russo, Sorriso (SAA). Al 39'st espulso Nastro (SAA), al 46'st espulso Veneziano per doppia ammonizione (SAA).