Polisportiva Sarnese

Switch to desktop
Home

Non poteva esserci miglior modo per i Cavalieri della Polisportiva Sarnese di concludere questo campionato di Serie C. Nella sfida casalinga col Tecnocasa Cus Cosenza infatti, i Cavalieri riscattano l'amaro pareggio dell'andata sfoderando una delle migliori prestazioni della loro stagione, sia sul piano del gioco che su quello realizzativo. Già dalla vigilia si avvertiva il clima da finale che aleggiava intorno a questa partita, essendo essenziale una vittoria per la conferma del quarto posto in classifica, ma non ci si aspettava certo un match così a senso unico. Cavalieri concentratissimi quindi per quest'ultimo incontro di campionato, svoltosi sotto l'occhio vigile del Presidente Origo, presente a bordo campo per assistere al match e dare fiducia con la propria presenza ai propri tesserati. La Polisportiva Sarnese scende in campo con Scarpato,Sarcinelli e Gallo in prima linea, Treglia e Piscitella in seconda, Barone, Palomba e Capriglione completano in terza. Capitan D'Auria gioca in mediana in tandem con l'apertura D'Alessio, Vicidomini e Califano ai centri, completano lo schieramento Aprea, Brazzarola e Russo nel triangolo allargato. In panchina a disposizione di Coach Lucia e del Vice Coach Raimondi ci sono Donnarumma, Tedesco, Margiotta, Bifulco, Santonicola, D'Arco e Rainone. Già dalle prime battute i Cavalieri si dimostrano in pieno controllo del match, fanno strada col pacchetto e aprono bene alla mano coi propri trequarti, con Califano a fare da ariete tra i centri cosentini. Ad aprire le marcature è Aprea che dalla piazzola porta in vantaggio la Sarnese nei primi minuti per il 3 a 0. Al 10' grande azione personale di D'Alessio, che nei ventidue avversari  manda a vuoto con una finta i centri cosentini, si infila nel buco da lui creato e va a marcare meta al centro dei pali. Aprea trasforma, 10 minuti di gioco, 10 a 0 per i Cavalieri. Il Cosenza non riesce a ripartire, e i Cavalieri non si fanno attendere, Aprea accresce il vantaggio sarnese dalla piazzola dopo un calcio di punizione, 13 a 0 per i Cavalieri. Cavalieri che sembrano davvero non fermarsi più, e poco prima dello scadere della prima frazione, su una mischia a dieci metri dalla meta avversaria, Palomba si stacca dal raggruppamento, rompe due placcaggi e schiaccia in meta. Aprea è ancora preciso dalla piazzola, e il risultato è di 20 a 0. C'è ancora tempo per un'altra ottima azione dei Cavalieri, Capriglione guida più volte la carica degli avanti su uno schema da punizione, e dopo un paio di fasi trova lui stesso la marcatura tuffandosi direttamente contro la linea avversaria a ridosso della linea meta. Aprea stavolta manca la trasformazione e si rimane sul 25 a 0. La prima frazione di gioco si chiude con questo risultato, con la partita saldamente in mano alla Sarnese e il Cus Cosenza non pervenuto. Coach Lucia inserisce forze fresche tra le fila degli avanti nella ripresa, Bifulco rileva Piscitella e Donnarumma entra per Gallo. La seconda frazione di gioco vede i Cavalieri in leggero calo, concedono un pò di possesso al Cosenza che prova a venire fuori, ma invano. Si rende però pericoloso in un'unica occasione dopo un leggero momento di confusione dei Cavalieri, sorpresi da un calcio dell'estremo avversario, ma la difesa sarnese si ricompone subito e l'azione cosentina si infrange contro il muro sarnese, che recupera palla e ricaccia indietro gli avversari. Al 15' del secondo tempo i Cavalieri tornano di nuovo ad attaccare, dopo una buona azione dei trequarti Vicidomini scavalca la difesa avversaria con un calcetto, l'estremo avversario cicca la palla e Vicidomini lo punisce recuperando l'ovale e schiacciando in meta. Aprea di nuovo manca i pali, ed è 30 a 0 per i Cavalieri. Tedesco entra per Barone tra le fila della Sarnese. Il Cosenza prova di nuovo timidamente a venire fuori quando i Cavalieri rifiatano per la seconda volta, ma al primo accenno di ripresa da parte dei cosentini i trequarti di casa concretizzano gli sviluppi di un'azione sulla destra sull'asse D'Alessio-Califano-Vicidomini, con quest'ultimo che manda generosamente Aprea in meta a pochi metri dalla linea di segnatura per il 35 a 0 . Duro intervento da parte di un avversario su Aprea in occasione della segnatura, breve accenno di reazione da parte dei Cavalieri che però si placa subito, i Cavalieri non perdono la testa nonostante la scorrettezza rispondendo sul campo. Altri cambi per Coach Lucia, Santonicola e D'Arco entrano al 25' sostituendo Brazzarola e Aprea. Altra azione dei trequarti con Santonicola che prova subito l'azione personale, elude qualche placcaggio ma pecca di egoismo e viene fermato a pochi metri dalla meta. Meta che però arriva subito dopo quando il Cosenza prova la ripartenza nei propri ventidue, ma la forte pressione della difesa sarnese costringe all'errore l'apertura cosentina, Vicidomini approffitta ancora con grande furbizia dell'indecisione dell'avversario e intercetta l'ovale a pochi metri dalla linea avversaria e segna con tranquillità il 40 a 0. Il Cosenza crolla definitivamente, all'ultimo minuto dell'incontro mischia a cinque metri dalla linea avversaria per i sarnesi, che con una spinta tremenda portano capitan D'Auria direttamente in meta, rischiando addirittura di abbattere i pali. D'Arco chiude il match e il campionato dei Cavalieri con una facile trasformazione che fissa il risultato sul 47 a 0. Il campionato si chiude con questa prestazione suntuosa dei Cavalieri, che concludono questo campionato aggiudicandosi il quarto posto nel girone, posizione che avrebbe dovuto valere l'accesso agli spareggi per la serie C1 in vista del prossimo stravolgimento della struttura della Serie C, ma alla quale la Polisportiva Sarnese non può accedere a causa dell'assenza del settore giovanile, ma di questo parleremo in altra sede. Grande soddisfazione per il match e per la stagione in generale per tutti i Cavalieri, per il Coach Lucia e il Vice Coach Raimondi, per il dirigente responsabile Rocco Margiotta, per il Presidente Francesco Origo e i soci della Polisportiva Sarnese alla quale vanno tutti i nostri ringraziamenti e i nostri complimenti per aver raggiunto questo traguardo nonostante questo sia solo il primo anno di attività della Polisportiva Sarnese. Ma la stagione di rugby non finisce qui, e vi diamo subito appuntamento al 27 Aprile, quando i Cavalieri affronteranno in un incontro amichevole il Nato Lions Rugby Club, allo Squitieri di Sarno. Vi aspettiamo, accorrete in tanti, e come sempre, Forza Cavalieri !

SARNO. Riprenderanno domani pomeriggio gli allenamenti della formazione granata agli ordini di mister Pasquale Vitter. Il tecnico e il suo staff cominceranno a preparare al meglio la squadra per affrontare i play-off, che si disputeranno tra poco meno di un mese. Per la settimana che condurrà alla Santa Pasqua, sono previste due gare amichevoli. La prima mercoledì pomeriggio con lo Stasia Calcio (Eccellenza gir. A) e la seconda sabato mattina con la Juve Poggiomarino del tecnico sarnese Giovanni Buonaiuto (Promozione B). Entrambe le squadre saranno impegnate nei play-off dei rispettivi gironi da disputarsi il prossimo 4 maggio. 

IL PROGRAMMA IN SINTESI

Lunedì 14: Allenamento ore 15.00 - Stadio Squitieri Sarno

Martedì 15: Allenamento ore 15.00 - Stadio Squitieri Sarno

Mercoledì 16: Amichevole vs Stasia Calcio ore 15.00 - Stadio Squitieri Sarno

Giovedì 17: Riposo

Venerdì 18: Allenamento ore 15.00 - Stadio Squitieri Sarno

Sabato 19: Amichevole vs Juve Poggiomarino ore 10.00 - Stadio Squitieri Sarno

Domenica 20: Riposo

Le pagelle del match Polisportiva Sarnese Rugby - Rende Rugby

Pubblicato in Rugby

Riprendiamo oggi la rubrica di Mister Sarno, con le pagelle relative al match Polisportiva Sarnese Rugby - Rende Rugby del giorno 6 Aprile 2014 giocato allo "Squitieri" di Sarno :

 

Gino Scarpato 7,5 : Alla prima da Cavaliere fa sentire subito tutta la sua esperienza e il suo peso in mischia ordinata, spiana la strada alla meta di Treglia e ripulisce numerose ruck e maul, non poteva esserci miglior esordio. TITANO

Gianfranco Sarcinelli 6,5 : Partita ordinata la sua, la touche ha lavorato molto in settimana e i risultati si vedono, bene anche in mischia ordinata, ruba anche alcune mischie con la collaborazione di Scarpato. PITCHER

Carmine Gallo 6 + : Gallo continua a collezionare gettoni da titolare nonostante sia alle prime armi, ci mette cuore e sacrificio e ripaga la fiducia del mister e dei compagni. CAGALLO

Gentila Treglia 7 : Torna dopo una lunga assenza e gioca un'ottima partita, sicuro in touche e mischia ordinata, trova anche la meta dopo un'azione insistita degli avanti rompendo numerosi placcaggi. BENTORNATO

Giuseppe Piscitella 6 : Torna titolare dopo l'infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi per un pò, non ha gli 80 minuti nelle gambe, ma dà il massimo per tutta la sua partita, è sulla buona strada per recuperare al pieno la forma fisica. VETERANO

Gabriele Capriglione 6 - : Ha tanta voglia di fare, corre su tutti i palloni e ci prova in tutti i modi a sfondare, anche se a volte finisce con lo strafare, rischiando anche in occasione dell intercetto. Recupera verso la fine della partita con qualche buon avanzamento ma poi paga per tutto il reparto prendendosi un giallo che lascia i Cavalieri in 14 nel finale, si farà perdonare presto. NERVOSO

Salvatore Barone 6,5 : Buona prestazione anche per Barone come per tutto il pacchetto di mischia, il Coach lo schiera terza linea e lui ripaga la fiducia con una buona difesa affianco al pacchetto, anche lui non ha gli 80 minuti ma dà il massimo. JOLLY

Alessio D'Auria 6,5 : Capitan D'Auria si riscatta in questa partita, guida la squadra come deve, sempre prezioso in fase di pulizia e penetrazione, fa salire bene la squadra con dei calci tattici che consentono alla squadra di guadagnare terreno e di respirare, cala un pò nel finale. BOMBARDIERE

Mario Giordano 7- : Lo conosciamo, è tutto genio e sregolatezza. Oggi un pò lezioso sui calci di liberazione, che costano anche una meta, ma si fa perdonare con una meta fatta tutta di reattività e testa. Manca per un soffio un drop quasi impossibile e gioca bene in ripartenza. MAGO

Gerardo D'Alessio 7 : Un brutto taglio a inizio partita rischiava di compromettere subito la sua gara, ha lottato contro tutto e tutti, soprattutto col medico, per tornare in campo, apre bene al largo e ripulisce il gioco quando serve nonostante la fasciatura, dimostrando coraggio. CAPITAN HARLOCK

Luigi Rainone 6+ : Il Coach lo schiera titolare in una partita importante come questa, segno che sta lievitando nelle gerarchie dell'allenatore. Gioca tutto sommato una buona partita anche se vanifica una ripartenza con un in avanti galeotto. Si fa perdonare mettendo un pezza nell'azione dell'intercetto costringendo il suo avversario all' in avanti. IN CRESCITA

Nicola Califano 6 : Oggi ha vita dura contro i più rapidi centri del Rende, risponde bene all' inizio, anche se insieme a Russo e Vicidomini rischia un pò troppo su alcune penetrazioni, meglio in fase offensiva, fa strada con le sue penetrazione e allarga anche bene il gioco sulle ali. CENTRO DI PESO

Luigi Russo 7: Buona partita per Russo, che dimostra di saper giocare bene entrambe le fasi, prende le redini dei trequarti mentre D'Alessio è fuori a farsi medicare, ed è sempre prezioso in fase difensiva con placcaggi di alto livello, risolvendo situazioni molto pericolose. MURO

Umberto Brazzarola 6,5 : Anche se non è esplosivo come tutti vorrebbero si fa delle grandi sgroppate sulla destra, e fa sentire la sua fisicità quando entra, cerca a tutti i costi la meta nel finale ma non riesce alla fine nell'impresa. BRAZZMAN

Alessandro D'Arco 6 : Ritorno tra i titolari anche per D'Arco dopo un lungo stopo, copre bene sulle palle alte e riesce in qualche ripartenza con il triangolo, meno sicuro nelle chiusure e sulle penetrazioni dei rapidi trequarti avversari, cala un pò nel finale, ma anche lui non ha ovviamente gli 80 minuti nelle gambe. 
IN CERCA DI FORMA

Giuseppe Tedesco 6,5 : A fine primo tempo la panchina accusa sintomi di Stress Post Traumatico a causa delle sue interminabili chiacchiere, quando il Coach lo chiama per entrare la panchina esulta come se avesse segnato. Buono tuttavia il suo impatto a partita in corso, ottime penetrazioni e pick and go nella parte finale della partita. LOGORROICO.

Giuseppe Donnarumma 6 : Subentra a Gallo nella seconda frazione di gioco e tiene bene in mischia ordinata. Qualche buona penetrazione, meno rapido in fase di pulizia, prestazione in ogni caso soddisfacente. PESO MASSIMO

Alfonso Di Bartolomeo 6,5 : Anche lui subentra nel secondo tempo per dare freschezza in mischia, entra subito in partita e ci prova facendosi largo tra gli avversari, non riesce tuttavia nello sfondare per la meta. Come altri torna dopo un lungo stop, serve che dia il massimo nell'ultima parte della stagione. CINGHIALE

Mirko Vicidomini, 6,5 : L'infortunio di D'Alessio lo costringe a un andirivieni dalla panchina prima del definitivo cambio nel secondo tempo. Si perde un pò l'avversario diretto in occasione della prima meta ma si costruisce da solo la meta con un ottimo placcagio e tuffandosi sul pallone vagante lasciato dal suo avversario. La segnatura da speranza alla Sarnese nel finale, che però sfuma. TORO ROSSO

Pietro Santonicola / Aniello Aprea 6 : Coach Lucia li getta nella mischia per i minuti finali, provano entrambi qualche ripartenza e danno tutto nei pochi minuti a disposizione, mancano insieme a tutta la squadra l'impresa di ribaltare il risultato. LAST MINUTE

Non basta la vittoria sulla Poseidon: si va ai play-off

Pubblicato in Calcio

SARNO. La Polisportiva Sarnese conclude il suo primo campionato della storia in Eccellenza al secondo posto in classifica, a una sola lunghezza della Virtus Scafatese, in virtù della vittoria sulla Poseidon e il pareggio dei gialloblù in casa con la Libertas Stabia. Settantuno punti conquistati e ventitrè vittorie non sono bastati alla squadra del presidente Origo per compiere il "salto" di categoria, e devono accontentarsi dei play-off, con finale unica il prossimo 11 maggio in casa contro la vincente della semifinale Angri - Libertas Stabia. La Pro Scafatese è esclusa dalla disputa della semifinale a causa del distacco maggiore di dieci punti dalla Polisportiva Sarnese. Anche se il sapore dell'amaro in bocca è ancora forte per aver mancato l'aggancio in vetta la scorsa giornata, i granata sfrutteranno questo mese di pausa forzato per recuperare, oltre agli infortunati Ianniello e Tufano, anche le energie fisiche e mentali per affrontare la finale regionale al top della forma e con il vantaggio dei due risultati su tre a disposizione per approdare alla fase nazionale.

Venendo alla partita di oggi (una formalità, visto che la Poseidon era già condannata alla retrocessione), i granata hanno superato i pestani per tre reti a zero. Mister Pasquale Vitter per l'occasione rivoluziona totalmente la formazione, lasciando spazio a chi ha giocato poco in questo campionato. Per la cronaca del match, le azioni più importanti sono senza dubbio quelle da rete: al 23' l'ex Fabrizio Ronni compie un fallo su Ferrara in area di rigore. L'arbitro, Cosso di Reggio Calabria, indica il dischetto e sulla palla si porta Adiletta che non sbaglia, ribaltando il trend negativo dei granata dagli undici metri.

Nella ripresa la Polisportiva Sarnese trova subito il raddoppio: al 3' arriva un cross dalla destra di Amoruso, colpo di testa di Nando Di Capua che termina dritto in rete. Al 24' il cobra Romano gonfia la rete per la terza volta con un pallonetto che scavalca il portiere Muro e sigla il suo ottavo gol con la casacca granata in questo campionato.

Solo due i minuti di recupero, e il pareggio al 48' della Libertas Stabia rende ancora più amaro il finale di stagione dei granata. La squadra di mister Vitter ora si rimboccherà le maniche per preparare i play-off e tornerà al lavoro venerdì pomeriggio. Sabato mattina è prevista invece una gara amichevole con la Palmese, che il prossimo 4 maggio affronterà ai play-out il Cicciano. 

IL TABELLINO

POL. SARNESE (4-2-3-1): Napolitano (34'st Cerbone), Amoruso, Ferrara, Fontanarosa, Falanga, Nasto, Pallonetto, Veritiero (25'st Cammarano), Adiletta, Di Capua, Romano. A disposizione: De Cesare, Testa, Esposito, Savarese, Maggio. Allenatore: Vitter

POSEIDON (4-3-2-1): Muro, Gallo (1'st Ammar), Giorgio, Posella (1'st Di Lucia), Melillo, Ronni, Grimaldi, Galdi, Santucci, Somma, Barbato. A disposizione: Serra, Bellizio, Gorrasi. Allenatore: Caramante

ARBITRO: Cosso di Reggio Calabria

RETI: 24'pt Adiletta su rig. (PS), 3'st Di Capua (PS), 24'st Romano (PS)

NOTE: Spettatori 100 circa

I convocati per l'ultima col Poseidon

Pubblicato in Calcio

SARNO. Nel pomeriggio di oggi si è tenuta la rifinitura della troupe granata in vista dell'ultima giornata di campionato, tra le mura amiche contro i pestani del Poseidon, formazione già condannata alla retrocessione in Promozione. Mister Pasquale Vitter dovrà fare a meno ancora degli infortunati Tufano e Ianniello, il quale a differenza del primo è sulla via del recupero e verrà preservato per gli eventuali play-off. Stop forzato a centrocampo per Ottobre, che a Sant'Antonio Abate ha ricevuto la quarta ammonizione.

Alla fine della breve sessione di allenamento odierna Vitter ha diramato la lista dei convocati che prenderanno parte alla gara di domani: Cerbone, Napolitano, Ruocco; Amoruso, De Cesare, Esposito, Falanga, Ferrara, Nasti, Pallonetto, Testa, Veritiero; Di Capua, Fontanarosa, Nasto, Savarese; Adiletta, Maggio, Romano. 

Un arbitro calabrese per l'ultima di campionato

Pubblicato in Calcio

SARNO. Il Comitato Regionale Arbitri della Campania ha designato, per la gara Polisportiva Sarnese - Poseidon, valida per la 30a e ultima giornata di campionato ed in programma mercoledì 9 aprile allo stadio "Squitieri", il signor Francesco Cosso della sezione Aia di Reggio Calabria. Il direttore di gara reggino sarà coadiuvato dagli assistenti Antonio Mariniello della sezione Aia di Ercolano e Luigi Ferreri della sezione Aia di Nola.

E' stata un'altra dura battaglia per i Cavalieri della Polisportiva Sarnese questa penultima giornata di campionato, che li ha visti affrontare la terza forza del girone, il Rende Rugby. Dopo la prestazione appannata della settimana scorsa, i Cavalieri si riscattano in questa partita che li vede sconfitti di misura al termine di un match equilibrato per tutta la sua durata, nel quale i padroni di casa hanno giocato totalmente alla pari e forse hanno mostrato anche qualcosina in più dei propri avversari, ma alla fine pagano delle ingenuità e degli errori individuali e a cui non riesce di nuovo l'arrembaggio finale. Il match parte in maniera sfortunata per i Cavalieri, al terzo minuto infortunio per D'Alessio, colpito al volto, Vicidomini lo sostituisce temporaneamente, ma i Cavalieri non fanno in tempo a riorganizzarsi che subito il Rende trova il varco dopo un'azione dei trequarti e marca meta al 5', non trasformata, per il 5 a 0. La Sarnese prova subito a rialzare la testa, Giordano raccoglie un calcio di liberazione e tenta il drop addirittura da centrocampo,mancando i pali per un soffio. I Cavalieri mostrano tutta la loro forza in mischia ordinata, il Rende non tiene col proprio pacchetto, e proprio su una mischia nei ventidue del Rende, la palla schizza libera, Giordano raccoglie con grande reattività e con un tuffo marca meta all'estremo destro del campo per il pareggio dei Cavalieri. D'Arco non trasforma, il risultato rimane sul 5 a 5. Reazione furiosa del Rende, che attacca per vari minuti sulla linea dei ventidue sarnese ma non riesce a bucare, alla fine conquista un fallo, e dalla piazzola il Rende si riporta in vantaggio per il 5 a 8. D'Alessio rientra in campo, intanto il Rende spinge soprattutto coi trequarti, ma Russo e Califano difendono bene sulle penetrazioni dei centri avversari. Grande rischio per la Sarnese dopo che Capriglione si fa intercettare un passaggio, Rainone riesce a metterci un pezza in extremis guadagnando anche una punizione, e capitan D'Auria riporta i Cavalieri nella metà campo avversaria con un gran calcio. I Cavalieri spingono sull'acceleratore, ci provano prima con Rainone che però commette in avanti nel tentare di concludere una buona ripartenza, e di nuovo con Giordano, lesto a recupare palla da una touche sbagliata e a trovare il varco tra gli avversari, ma le azioni si concludono con un nulla di fatto. Al 36' punizione per i Cavalieri, ottimo schema degli avanti con Scarpato che spiana la strada alla segnatura di Treglia che riporta in vantaggio i Cavalieri, D'Arco trasforma per il 12 a 8. Ma la gioia dei Cavalieri dura poco, Giordano si fa murare un calcio nei propri ventidue metri, gli avversari recuperano palla e schiaciano in meta per il nuovo vantaggio del Rende, che va sul 12 a 15. Altro pericolo per i Cavalieri nel finale, è di nuovo Russo a chiudere bene sul proprio avversario diretto, e D'Auria ricaccia indietro il Rende con un calcio. Si chiude la prima frazione di gioco, partita molto equilibrata fino a questo momento. Inizia il secondo tempo, col Rende che parte a razzo, dopo una combinazione dei trequarti ospiti un errore in chiusura di D'Arco consente al Rende di marcare meta all'estremo sinistro del campo e aumenta il proprio vantaggio, risultato di 12 a 20 per gli ospiti. I Cavalieri non ci stanno, e si portano a ridosso della meta avversaria, ma non riescono a concludere a causa dei ripetuti e scriteriati falli del Rende, la panchina e la curva chiamano a gran voce la meta tecnica e il giallo, ma alla fine non arriva nessuno dei due, e un assedio di dieci minuti alla meta del Rende si conclude purtroppo con un nulla di fatto. Coach Lucia fa vari cambi, Vicidomini entra di nuovo per D'Alessio, Tedesco, Donnarumma e Di Bartolomeo entrano per Gallo Piscitella e Barone. La partita si fa intensa, si combatte soprattutto in touche e in mischia ordinata, e i trequarti muovono palla con dei calci tattici ma il risultato resta invariato fino a quando un altro piazzato consente al Rende di allungare ulteriormente il vantaggio per il 23 a 12. A circa un quarto d'ora dalla fine i Cavalieri rimangono in inferiorità numerica quando Capriglione si prende un giallo, ma invece di demordere i Cavalieri trovano un'improvvisa segnatura, quando Vicidomini mette in difficoltà la linea avversaria pressando beme in difesa, il Rende tenta di liberare la propria area con un calcio, Vicidomini prima blocca l'avversario e poi si avventa sul pallone vagante segnando per il 17 a 23. Coach Lucia getta nella mischia Aprea e Santonicola, che entrano per Rainone e D'Arco. I Cavalieri pressano senza sosta negli ultimi minuti e ci provano prima con Brazzarola e Di Bartolomeo poi, ma non riescono nell'impresa di recuperare lo svantaggio e la partita si conclude sul 17 a 23. I Cavalieri falliscono dunque per la seconda volta nel tentativo di recuperare la partita nel finale, ma se si attendeva un segnale importante dopo la sconfitta di Salerno la reazione dei Cavalieri è senz'altro arrivata, soddisfatto Coach Lucia a fine gara. Sarnese che esce dal campo sconfitta ma decisamente a testa alta e porta a casa anche un punto. La settimana prossima i Cavalieri affronteranno il Cus Cosenza, e la Sarnese è in cerca di riscatto dopo lo scottante pareggio dell'andata, preparatevi per un finale col botto, alla prossima domenica, e come sempre, Forza Cavalieri !!!

Harakiri granata, sconfitta di rigore col S.Antonio Abate

Pubblicato in Calcio

SANT'ANTONIO ABATE. La Polisportiva Sarnese torna dalla trasferta di Sant'Antonio Abate con l'amaro in bocca e con un grosso rammarico: quello di non aver approfittato dello stop della Virtus Scafatese nel derby con la Pro Scafatese, che avrebbe consentito ai granata di agguantare al primo posto i virtussini. Una gara affrontata senza idee dalla formazione di Vitter, che ha sfoderato una delle peggiori prestazioni in questo campionato sul sintetico del "Vigilante Varone". Gli abatesi, al contrario, sono apparsi più tonici e più determinati in campo, per agguantare quella salvezza tranquilla distante un solo punto. I granata avevano a disposizione soltanto la vittoria per continuare a sperare nella promozione diretta, che non è arrivata. Il rigore trasformato da Comegna ha condannato i sarnesi, con la Virtus ora distante tre punti e con una giornata di campionato ancora da disputare. Certo, le speranze ormai sono ridotte al lumicino, ma la matematica ancora non condanna la Polisportiva Sarnese, costretta a vincere in casa col Poseidon e sperare in un passo falso della Virtus, impegnata con la Virtus Scafatese.

Vitter deve fare a meno, oltre al lungodegente Ianniello, anche di Tufano, infortunatosi domenica scorsa. Un'assenza importante sulla sinistra per il tecnico torrese, costretto a sacrificare il cobra Romano in una posizione non sua. I granata sembrano partire col piglio giusto: nemmeno due minuti di gioco e Ottobre ci prova su punizione dalla sinistra, palla che colpisce la traversa ed esce. Al 14' Mosca prova il tiro dalla sinistra, palla bassa bloccata in due tempi da Ruocco. Al 15' c'è un gran gol siglato dall'ottimo Comegna dalla distanza, il guardalinee annulla però la marcatura a causa di un fuorigioco di un calciatore giallorosso in posizione attiva nell'azione del gol. Al 25' spettacolare azione sull'asse Savarese-Romano: l'esterno stabiese porta a spasso la difesa locale sulla destra, si accentra e serve Romano, il quale di prima gli ridà palla per le vie centrali, ma Savarese sbaglia il tiro da posizione favorevole. Al 45' Pelagione fa partire un tiro da fuori area e colpisce la traversa, chiudendo così la prima frazione.

Nella ripresa ecco la rete del vantaggio dei locali: all'11' l'arbitro assegna un calcio di rigore per il Sant'Antonio Abate per un atterramento in area di rigore. Sulla palla si porta Comegna che trasforma senza problemi e porta in vantaggio i suoi. La Polisportiva Sarnese accusa il colpo e dopo due minuti Galasso colpisce un palo da calcio d'angolo, sulla ribattuta si porta Staiano ma un calciatore granata salva sulla linea di porta. Alla mezz'ora i granata prendono coraggio e ci provano in diverse circostanze a rendersi pericolosi. Ci provano su tutti Ottobre prima (di testa) e Pallonetto dopo, la cui conclusione al volo viene deviata in corner da un difensore giallorosso. Al minuto 33 Romano fa tutto da solo, dalla destra entra in area e scarica il tiro, palla a lato. Dopo ben sette minuti di recupero, maturati a causa delle continue interruzioni di gioco, Angelucci di Foligno fischia la fine. La Polisportiva torna sconfitta da Sant'Antonio Abate sprecando, come dicevamo, la ghiotta occasione del pareggio della Virtus per 2 a 2 contro i cugini della Pro Scafatese. Resta solo un'altra piccola speranza per i granata: mercoledì si disputerà l'ultima giornata allo "Squitieri", ma la strada dei play-off a questo punto sembra l'unica via per raggiungere la promozione in serie D.

IL TABELLINO

S.ANTONIO ABATE (5-3-2): Sorriso, Veneziano (31'st Vollono), D’Esposito, Staiano (44'st Donnarumma), Galasso, Buonocore, Sicignano, Comegna, Pucci (13'st Navas), Pelagione, Mosca. A disposizione: Balestrieri, Russo, Donnarumma, Nastro, D'Auria. Allenatore: Criscuolo

POL. SARNESE (4-2-3-1): Ruocco, Pallonetto, Testa, Esposito, Nasti, Fontanarosa (31'st Amoruso), Savarese, Ottobre, Maggio, Di Capua, Romano. A disposizione: Napolitano, De Cesare, Falanga, Adiletta, Ferrara, Nasto. Allenatore: Vitter

ARBITRO: Angelucci di Foligno

RETE: 12'st Comegna su rig. (SA)

NOTE: Spettatori 150 circa. Ammoniti Veneziano, Staiano (SA), Romano, Ottobre (PS)

Pagina 1 di 28